Depressione Post partum e blues maternity cosa sono e come curarle

Depressione Post partum e blues maternity cosa sono e come curarle

La depressione postpartum (o postnatale) può colpire molti giovani mamme. La sua durata, intensità e manifestazioni varia notevolmente a seconda dell’individuo. Ecco i nostri consigli per prevenire e curare questa problematica comune.

Differenza tra Baby blues e depressione postpartum

Il baby blues o maternity blues è una forma più lieve di depressione postpartum . Chiamata anche sindrome del 3 ° giorno, di solito si verifica da uno a quattro giorni dopo la nascita del bambino.

Il baby blues si manifesta, nella madre, con una grandissima sensibilità alle emozioni . Piange facilmente e può sentirsi triste, ansiosa o irritabile.
Le sue cause sono legate a importanti cambiamenti ormonali dopo il parto e possono influenzare l’umore, ma anche la fatica del parto e soggiorno nella maternità, le ansie legate all’arrivo del bambino.
Il baby-blues invece è caratterizzato da una durata relativamente breve , a volte solo poche ore, fino a dieci giorni.

Cause

Sì, ancora una volta è una storia di ormoni , i loro effetti sul morale sono stati dimostrati più volte, ci si deve abituare. Il baby blues è una conseguenza di un improvviso calo del livello degli ormoni progestinici e del flusso di latte dopo il parto. Questi fenomeni portano ad un aumento dell’ossitocina (ormone che innesca le contrazioni e che successivamente aiuta l’espulsione del latte), ma anche della prolattina (ormone che favorisce l’allattamento). Capirai che si tratta di importanti cambiamenti ormonali per una nuova madre.

Inoltre, quest’ultima non si sente in osmosi con il suo corpo: i chili in più, cicatrici per alcuni, sanguinamento e disagio per altri, sono elementi fastidiosi nei primi giorni dopo il parto. Soprattutto, non dobbiamo dimenticare il fattore di fatica di questo importante evento, che gioca anche nell’equazione del baby blues.

Un secondo fattore si aggiunge allo sconvolgimento ormonale: l’origine psicologica. L’arrivo di un neonato nella vita è un evento che lo cambia completamente e molte mamme non lo realizzano fino all’arrivo del bambino. Angoscia e dubbi sorgono all’improvviso.

La paura di non essere all’altezza del compito (soprattutto per il primo figlio), il fatto di vedere il tuo bambino in braccia diverse dopo 9 mesi in cui il legame era speciale , la rottura del cordone che rappresentava una fusione madre / bambino che rappresenta il fine della gravidanza, nuove responsabilità , tutte queste hanno un impatto psicologico significativo .

A tutti questi fattori si aggiunge il fatto che la madre si sente in  colpa per essere infelice quando ha appena vissuto un evento riconosciuto come una delle più grandi gioie della vita.

Avviso al marito, alla famiglia e agli amici della futura madre! Prestate attenzione e ascoltala in modo da poterla confortare . Spiegate con calma che il baby blues non è un evento banale e che non è pericoloso per la salute mentale o fisica. I baby blues sono una reazione naturale e fugace, ma soprattutto dite loro che devono rilassarsi e stare tranquille, è del tutto normale vivere uno stato d’animo del genere.

Prevenire e curare la depressione postnatale

Rispondere rapidamente è essenziale per evitare che la depressione insorga e diventi troppo profonda. In effetti, può impedire la creazione di un forte legame tra il bambino e il suo genitore, il che è dannoso, sottolinea la dottoressa Claudia De Masi che offre supporto psicologico online alle giovani mamme.

Prima di tutto, l’importante è parlare di ciò che provi, in modo da non tenere tutto dentro: il coniuge, la nonna, un amico, un dottore, una persona di un’associazione legata a genitorialità.

Non esitate a chiedere aiuto materiale: pulizia, cucina, shopping, cura di fratelli e sorelle, babysitter per alcune ore, ecc. I parenti sono spesso felici di aiutare e alleviare i giovani genitori in modo che possano riposare, prendersi cura di se stessi e stare insieme.
Se la sofferenza insorge, è quindi importante consultare un professionista della salute che saprà ascoltare e aiutare il paziente a trovare la strada per l’equilibrio.

La depressione postpartum non è inevitabile . È possibile cavarsela grazie ai parenti e, se necessario, al follow-up medico e psicologico.

Donna Unica

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x