LIBERI DI SBAGLIARE AMANDO
Essere Donna

LIBERI DI SBAGLIARE AMANDO

VI È MAI CAPITATO DI SBAGLIARE PER AMORE; E SE C’E’ DEL SENTIMENTO E’ MEGLIO SEGUIRLO O METETRE A TACERE LE EMOZIONI?

 

  1. L’INCONTRO CASUALE

Ti vidi per la prima volta in una giornata afosa, non ricordo di preciso il giorno, ma sono sicuro fosse luglio. Eri così aggraziata e dolce, con quelle trecce che ti accarezzavano le spalle. I nostri sguardi si incrociarono per un breve istante e poi, sorridendo.

incontro casuale

Ricordo come fossi ieri che cercai, insistentemente, quello sguardo nelle mie notti tormentate. Non sapevo nulla di te, ma eri così meravigliosamente bella. Non riuscivo a farti uscire dai miei pensieri, ogni cosa mi ricordava di te. Com’è banale… non conoscevo neppure il tuo nome eppure…eri già parte di me.

Una sera, dopo l’ennesima giornataccia, con mio enorme stupore, ti vidi già seduta sul mio stesso pullman stracolmo di passeggeri, ed i nostri sguardi si intrecciarono nuovamente, e così la mattina dopo, e quella successiva, e così per un anno intero.

  1. L’AVVICINAMENTO

Ricordo ancora quando ti sedesti per la prima volta accanto a me, anche se c’era qualche posto libero non ne potevi farne a meno; io ti offri senza nemmeno conoscerti una gomma da masticare, sperando così di rompere il ghiaccio e iniziare a parlare, e con le mie solite battute attirai sempre di più il tuo interesse.

avvicinamento

Ed ogni volta che mi sorridevi io morivo.

Cominciammo segretamente la nostra avventura fatta di soli gesti, sguardi, attenzioni, messaggi…e poi, improvvisamente, di nuovo il nulla. Per un anno intero mi sono chiesto se fosse giusto ridere, scherzare, avvicinarci dato che le nostre vite erano già “impegnate” sentimentalmente.

  1. L’ALLONTANAMENTO

Una cosa era certa. Con te stavo bene, il mondo non esisteva più. Le emozioni erano forti però dovevo tornare dalla madre dei miei figli, e tu alla tua vita, al tuo compagno.

È passato un altro anno da allora, e non posso fare a meno di pensare a te, a come sarebbe stato insieme; ti ringrazio per avermi risvegliato quei sentimenti ormai da tempo intorbiditi dal tepore domestico.

allontanamento

Un giorno sono certo, ti rivedrò VI….e chissà, questa volta, saremo liberi di sbagliare. Perora ti dico “arrivederci” alla prossima vita perché un sentimento così non può prevedere un addio.

 

ANONIMO

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *